Revisione e validazione dei dati

Per i Moduli che riguardano la produzione dei Fogli della “Carta degli Elementi di Pericolosità dei Mari Italiani” e dei relativi Documenti a Corredo, si è avuto un articolato processo, usualmente iterativo, di acquisizione, consegna parziale, revisione, controllo e consegna finale, curato da CNR-IGAG

Nel dettaglio infatti molte delle attività di rilievo hanno avuto un andamento progressivo dovuto alla logistica delle campagne a mare, mentre le attività di interpretazione e restituzione cartografica hanno richiesto una complessa e lunga attività di omogeneizzazione delle interpretazioni/rappresentazioni e di verifica di congruità tra fogli limitrofi, specie quando questi erano realizzati da Enti differenti. E’ significativo sottolineare come tutte le correzioni interpretative siano state discusse in seno al Consiglio Scientifico per condividere ed affinare le modalità di omogeneizzazione e di applicazione della legenda ai diversi contesti geologici e fisiografici dei diversi margini continentali

Infatti ogni foglio poteva:

1)          essere consegnato in maniera parziale in quanto la campagna poteva aver investigato solo parzialmente l’area, per motivi legati alle condizioni meteomarine, al tipo di strumentazione disponibile a bordo (da acqua profonda o da acqua bassa) o all’ organizzazione generale delle attività di rilievo

2)          avere bisogno di una rivisitazione dei principi di interpretazione che specie nelle prime fasi del progetto si sono venuti via via affinando in base ai primi risultati discussi in seno al Consiglio Scientifico

necessitare di modifiche richieste per l’omogeneizzazione delle interpretazioni dal responsabile del coordinamento ed omogeneizzazione delle interpretazione dei dati (Dott. Domenico Ridente) oppure per l’omogeneizzazione degli aspetti cartografici dal responsabile della progettazione e del coordinamento delle attività geofisiche (Dott. Alessandro Bosman)

Si è quindi messo a punto un flusso di attività di revisione e controllo tramite apposito sito FTP, gestito e supervisionato dall’ing. Francesca Argiolas, sintetizzato nella figura.

 

1° Fase: controllo dei prodotti consegnati. Gruppi distinti opportunamente coordinati hanno eseguito specifici controlli mirati alla individuazione di errori e al miglioramento della qualità del prodotto consegnato.

In particolare:

-       Controllo Format: verifica della consistenza dei prodotti consegnati da parte degli Enti rispetto alle specifiche e alle tempistiche richieste. Segnalazione di eventuali prodotti non consegnati correttamente.

-       Controllo Generazione Contour e grid: verifica nel file .gmp Progetto Cartograficodella consistenza dei dati cartografici generati rispetto a quanto definito dal processo di generazione delle contour e grid.

-       Controllo Formale-Editoriale (Livelli 1-2-3-4): verifica nel file .gmp Progetto Cartograficodella consistenza dei vari livelli interpretativi (livello 1, livello 2, livello 3, livello 4) rispetto a quanto definito dalle norme stabilite dalla guida nomenclaturale.

-       Controllo Interpretativo (Livelli 1-2-3-4): verifica nel file .gmp Progetto Cartograficodella analisi interpretative e verifica della consistenza dei vari livelli interpretativi rispetto a quanto definito dai criteri stabiliti dalla guida nomenclaturale e alle modalità di applicazione degli stessi concordate nelle riunioni del Consiglio Scientifico.

-       Controllo Punti di Criticità (Livello 4): verifica nel documento a corredo “Note a compendio” del capitolo 4 riguardante la descrizione dettagliata dei Punti di Criticità individuati in ogni specifico foglio. Omogeneizzazione delle analisi e delle descrizioni dei punti di criticità.

Ogni fase di controllo ha comportato la generazione di file pdf/word con l’elenco dettagliato degli errori riscontrati, inviato agli Enti interessati per la correzione. Questi documenti sono stati anche presentati e discussi alle riunioni del Consiglio Scientifico e Gruppo per l’Acquisizione e l’Elaborazione al fine di mettere a fuoco e discutere le problematiche riscontrate ed effettuare scelte condivise ed omogenee sulle modalità di applicazione della guida nomenclaturale. Gli Enti/Autori dei fogli e dei documenti a corredo, effettuate le modifiche richieste, hanno re-immesso i prodotti corretti nel sito FTP del progetto.

2- Fase: verifica dei prodotti corretti riconsegnati dagli Enti/Autori.

Tutte le nuove consegne hanno subito una verifica delle correzioni effettuate e un ultimo controllo generale prima della loro validazione.

Si sono anche eseguiti controlli di consistenza delle Schede UM, controlli che risultava prematuro effettuare nella prima fase in quanto i prodotti erano ancora passibili di modifiche, poco stabili, solidi e corretti. Per quanto riguarda le schede UM si è comunque compiuto un esclusivo controllo formale (nomenclatura utilizzata, congruenza tra prodotto cartografico e schede) ma non una verifica dell’applicazione dei criteri di misura dei parametri morfometrici, la responsabilità della quale è rimasta quindi ai singoli enti/autori dei fogli.

Come già detto e come illustrato nel cronoprogramma nelle pagine successive, il processo sopra descritto non è stato lineare ma ha comportato consegne e verifiche parziali, integrazioni e reiterazioni. I prodotti così analizzati, corretti e verificati sono stati validati e consegnati a DPC.